La Procura, a mezzo di ufficiale di p.g., chiede la consegna di documenti ad un Arcivescovo.- Ricevuta la missiva, il Monsignore, dava incarico di reperire e predisporre i documenti richiesti al Vicario generale dell'Arcidiocesi, che a sua volta si rivolgeva con lettera d'incarico scritta ad un avvocato e verbalmente ad altro patrocinatore, difensore dell'imputato (Vicario generale dicocesano) , per ricevere ausilio nella ricerca, mettendo così i legali a conoscenza dell'iniziativa dell'Ufficio requirente.