Finto carabiniere si presenta in una gioielleria di Calatafimi-Segesta esibendo un tesserino di appartenenza all'Arma. Compra alcuni preziosi, saldando il relativo corrispettivo mediante un assegno, sottoscritto con le false generalità tratto da un blocchetto nella sua disponibilità risultato oggetto di denunzia di smarrimento. Ruberà nell'occasione una collana, sfilandola repentinamente dal rotolo in cui era inserita e riponendola in tasca approfittando della distrazione della persona offesa.