Chi si introduce nel "cassetto fiscale" altrui, contenuto nel sistema informatico dell'Agenzia delle Entrate, utilizzando password modificate e contro la volontà del titolare, commette il reato previsto dall'art. 615-ter c.p..