Alla declaratoria di inammissibilità consegue sempre la condanna al pagamento di una somma alla Cassa delle ammende?