Due giornalisti vengono condannati in appello perchè ritenuti colpevoli del reato di ricettazione di un CD rom contenente telefonate illecitamente registrate ed utilizzate per realizzare un servizio giornalistico sfruttandone il contenuto.