Nel caso di una lite l'agente di polizia giudiziaria che non sedi la discussione in atto, poi fatale per uno dei contendenti, risponde di omissione di atti di ufficio.