Filma con un telefono soggetti minori nudi e non consapevoli, all'interno dei camerini del negozio in cui lavorava, producendo materiale pornografico che conservava catalogato nelle memorie informatiche detenute presso l'abitazione.